Archivio dei tag langhe

Langhe 2020

Da Vedere

Le Langhe sono un posto paesaggisticamente bellissimo: ogni pezzo di terra è un vigneto o campo di noccioli. Spettacolare andare in giro per le stradine che li attraversano, consigliatissimo in moto (anche se poi in moto  fare le degustazioni di cantina diventa problematico).

I paesini, dove non indicato qui sotto, fondamentalmente sono molto simili tra loro: curatissimi, molto caratteristici, con un castello in cima. Che lo so che sembra “allora è tutto uguale” ma, se ci pensate, quello che facciamo da anni è andare in giro per città d’arte, sempre a vedere: 

L’antico duomo in stile romanico, a tre navate e croce latina, costruito sui resti di un precedente tempio pagano. Nell’abside un interessante pala lignea di allievi del <inserisici pittore o sculture rinascimentale>.

Acqui Terme: Acquedotto romano (che poi è un pezzo d’acquedotto di cui rimangono solo 3 archi), le terme che sembrano uscite da un film di Wes Anderson, la Bollente la fonte d’acqua al centro città (l’acqua esce a 75 gradi non ci mettere la mano!)

Nizza Monferrato: l’enoteca regionale e la piazza. Se andate all’enoteca e non fate la degustazione dei vini che hanno, avete sbagliato vacanza

Barbaresco: la torre di Barbaresco, il gatto nell’enoteca dentro la chiesa (e anche l’enoteca stessa)

Neive: il comune che è tra i più belli d’Italia (oh…lo dicono loro eh), la cantina il castello di Neive

Guarene: il paese che parcheggi e poi salita verso il castello che, però, non ci puoi andare che è un resort privato

Barolo: il museo del vino

Grinzane Cavour: il castello

La Morra: la Cappella delle Brunate, tutta dipinta fuori e dentro

Panchine giganti: sparse in giro per ammirare il panorama

Cibo

La cucina Piemontese non è estiva, la carne fa da padrone così come il burro. Indico i posti dove ho mangiato, dove c’è scritto Ristorante è un ristorante, dove c’è scritto Osteria o Birreria, sono posti meno impegnativi, economicamente e digestivamente. Al ristorante si paga una cifra fra i 40 ai 55 euro a persona, vino incluso. In Osteria meno. Le menzioni d’onore vanno a:

Il ristorante nuovo Parisio ad Acqui terme. Professionalissimi, un menù curato, prezzo più che onesto. Consigliatissimi la vitella, come secondo, e il dolce con gelato, zabaione e cioccolato fondente.

L’osteria La Salinera a Grinzane Cavour, perché dentro al castello di Grinzane c’è un ristorante ma è stellato e impegnativo. Per un pranzo leggero, veloce e a un prezzo onesto, meglio l’osteria. I cannelloni e il dolce sono ottimi.

Il ristorante Lalibera ad Alba. Nonostante qualche incertezza sul servizio, una cucina da chef. Piatti top: l’anatra e i ravioli del plin.

Il Caffè Umberto-Enoclub sulla piazza ad Alba. Consigliati tajerin e hamburger con foie gras

Itinerario

Acqui terme, Nizza Monferrato, Alba, Barbaresco, Neive, Guarene, Canale, Barolo, La Morra, Monforte d’Alba, Serralunga D’Alba, Grinzane Cavour, Roddi, Diano d’Alba