Category Archive Viaggi

Eurovision 2022, io c’ero

Gli Italiani non hanno capito nulla dell’Eurovision. Descritto come una manifestazione macchiettistica dalla stampa, denigrato dai musicologhi/critici musicali (che sono il male della musica Italiana) rimane per molti uno strano fenomeno. Altrove basterebbe dire che è una manifestazione tra le più longeve della televisione, che è lo spettacolo non sportivo più visto al mondo, che interi Stati investono fortune per parteciparci e tentare di vincerlo, che desta l’interesse di Capi di Stato e polizie segrete.

 

Scorci Torinesi

Ma niente, a noi tocca fare quelli che lo descrivono come “un pessimo prodotto” perché non l’hanno capito. Vabbè, poco male… Io sono felice di esserci stato, ringrazio chi l’ha riportato in Italia e chi ha fatto sì che l’Italia ci partecipasse di nuovo.

 

La mostra di Banksy

Rimanete pure a dire “Eh ma vuoi mettere con i cantautori Italiani…. Guccini, De Gregori” o “Ma quella non è musica, e allora i Led Zeppelin”. Va bene, fatelo… ma iniziate anche a guardarvi intorno, perché la vostra platea d’ascolto potrebbe essere una bolla. E sta bolla inizia ad invecchiare e a morire. 

 

Lo spettacolo è una cosa enorme per organizzazione, tecnici, attrezzature, spazi. È difficile raccontare i cambi palchi di 90 secondi o il numero di luci ed effetti che ci sono, questo lascia davvero senza fiato. Le canzoni sono a volte belle, a volte na lagna, a volte “bho”. Ho visto il family show e la serata in TV, entrambe delle semifinali. Il family show vale assolutamente la pena, perché a prezzo ridotto ma esattamente uguale allo show della sera. Stesso discorso per il jury show. Quindi tecnici e presentatori si fanno ogni serata per 3 volte, tutte rigorosamente identiche (a parte, per esempio, i vestiti dei presentatori). Anche le esibizioni dei cantati sono U G U A L I.

Spiace per S.Marino e Achille Lauro che non passa in finale, anche se lo spettacolo era pieno di tutto: ballerini, fuochi, esplosioni, un toro meccanico…. questo non gli garantisce la finale. La Georgia non passa eppure il loro brano era “particolare”, passa il country Estone che, al di là del fatto che lui è gnocco, non dice molto, e passa la canzone per lavarsi le mani, che pensavo invece non sarebbe mai passata. Non passa neanche Israele che aveva infiammato la platea rainbow del pala Alpitour. Vince l’Ucraina, grazie al plebiscito del voto popolare. Molti potrebbero pensare “scontato” vista la situazione di guerra, ma di scontato c’è poco all’ESC. Sicuro è un messaggio politico di vicinanza da parte dei cittadini Europei.

 

 

Look da Eurovision

Cose Viste e curiosità

Il museo egizio vale la pena, e se ci andate pagate per la guida, che è un valore aggiunto (a meno che non siete l’amico Egittologo di Giacobbo, quello col cappello da esploratore). La mole Antonelliana è bella e la vista suggestiva, peccato non essere riuscito a vedere anche il museo del cinema. La città, i portici, le piazze mi sono piaciuti veramente tanto. Si sente che è stata capitale d’Italia, capitale dal respiro Europeo. Curiosità: a Torino fa caldo umido, e penso sia una di quelle città che passa dal freddo mortale al caldo mortale. Ho visto anche la mostra di Banksy visto che c’ero, bella e anche didatticamente valida. 

Mangiare, bere, fare cose

Se avete fame e siete in centro, NON mangiate una pita Greca da Kalidea Greek Food. Per le successive 8 ore abbiamo (invano) tentato di digerirla. Invece un aperitivo potete farlo al Vinile, che è poco più di un buco, c’è molta disorganizzazione nel servizio, ma è carino e perché no. 

Il posto migliore dove abbiamo mangiato è sicuramente il ristorante Solferino. c’era il menù Piemontese, buono e ben strutturato anche come porzioni, ma l’antipasto non è all’altezza di quelli mangiati nelle Langhe. Ottimo il primo, il brasato spettacolare, buonissimo anche il bicerin “reinterpretato” per dargli un poco di freschezza. Delusione invece il ristorante “Le 3 galline” servizio un tantino lento e alcuni piatti non brillantissimi. Però la ricotta fatta in casa e la trota un grande “si”, la tartarre, il coniglio con crema di zucchine, più “ni” che sì. 

Se volete occupare del tempo e non sapete come, entrate in un tabbaccaio e chiedete dei francobolli. Il tabaccaio vi racconterà tutta la storia del rapporto tra gli esercenti della tabaccheria e le poste. I problemi relativi al pagamento anticipato, ai formati di francobolli, al capitale immobilizzato. Si, sono uno degli ultimi che manda cartoline, ma il pippotto anche no direi…

Cibo

Ristorante Solferino

Enoteca vinile

Bed and Breakfast Casa Azzurra

Abruzzo in moto 2022

Un giro in moto come non facevo da tanto tempo. L’occasione è i giorni di pasqua e pasquetta, una coppia di amici che vengono dall’Abruzzo e vogliono fare un giro con la moto nuova e un tour operator che fa proprio al caso nostro. Non vedo motivi per non partecipare! 

L’organizzazione è perfetta, Abruzzo in moto è gestita dal bravissimo Tony che ne sa di moto, di musica, di strade. È un ottimo compagno di viaggio, di pranzo e di chiacchiere senza troppa serietà senza troppa cazzonagine. Il tour è corto e alla portata di tutti: ci si incontra sabato sera, si viaggia domenica e lunedì, si torna martedì. La sistemazione è gradevolisissima al B&B Villa giovina inclusa, oltre la colazione, le cene del tour. Il paesaggio e la vista sono bellissimi sulle montagne abruzzesi e la pace è assicurata.

Il primo giorno, partiti da Roma a 29 gradi, arriviamo verso la sera a Bagnaturo con un vento fortissimo sull’autostrada. La temperatura scesa di una 15ina di gradi e qualche timore per il giro del giorno dopo… A cena al B&B la compagnia degli amici, le rassicurazioni di Tony e un bicchierino di vino aiutano a smorzare la tensione. 

Partenza la domenica di Pasqua verso le 9. La situazione non è migliorata tantissimo: il vento è molto forte, la temperatura bassa, il cielo coperto. Ma il giro (vedi mappa) è molto bello e i paesaggi valgono tutto. Abbiamo anche modo di visitare l’esterno di una nota chiesa sconsacrata salita agli onori delle cronache per un film di valore artistico, culturale e sociale per la regia di Mario Salieri (Il confessionale). Vale anche la salita fino al sacrario militare a Roccaraso. Anche se fanno 2 gradi, anche se il vento stacca le mani e per certe temperature non c’è attrezatura che tenga. Temprati ma contenti del giro siamo sfranti al ritorno e dopo una lunghissima doccia calda, a nanna per il giorno dopo.

A pasquetta salsicce, vino e brace. Invece quest’anno giro in moto verso campo imperatore. Il tempo è molto migliorato, il cielo è limpido, il vento non c’è più e la temperatura è salita. Inoltre, dopo il giorno precedente, il bauletto della moto contiene ogni tipo di strato e sub strato da poter mettere: calzini multipli, soprapantaloni, guanti e sottoguanti. Non ce ne sarà bisogno, ma averceli aiuta. 

 

Che fai non mangi? In realtà la moto impone alcune regole di base sempre da rispettare: non bere, e non mangiare oltre modo. Che poi ti appesantisci, non guidi bene, non reggi le curve, ti viene l’acidità e altre cose orribili. Che tanto non hai lo stomaco di 20 anni fa. Diciamo che con queste regole, abbiamo comunque fatto una sorta di compromesso. Oltre al già citato ristorante del B&B Villa giovina

Il giorno seguente abbiamo mangiato alla Tana dell’Orso a Barrea (credo sia il nome di ristorante più utilizzato in zona, insieme a “la tana del lupo”). Piatti buoni, preparati molto bene, porzioni abbondanti, prezzo ottimo. Il pranzo di pasqua l’abbiamo portato nettamente a casa! 

Pasquetta niente salsicce, ma a pranzo ci siamo fermati alla trattoria Le 4 Ville, nel borgo di Castelvecchio calvisio. Prima del pranzo aperitivo al chioschetto Mo’sci con ottime birre, prodotti del territorio e tantissima cortesia. Il tutto vista sul castello di Ladyhawke a Rocca Calascio. Il pranzo era a menù e piatti fissi, ma fortunatamente siamo riusciti ad intercettare i camerieri prima che antipasto, primo, secondo, contorno, dolce, amaro, ammazza caffè, frutta e dolce fossero portati. Sempre per la motivazione di cui sopra, meglio (molto meglio) ridurre le porzioni. 

 

Abbiamo visto molte più cose di queste, fatto molte più cose e ci siamo divertiti tantissimo, ma se sei giunto a leggere fino quì è già tanto, quindi non voglio tediare oltre. Se hai una moto contatta Tony e fatti un giro con lui. Se non ce l’hai visita l’Abruzzo in macchina, moto, autobus, che è bellissimo!

E se vuoi ascolta Katzenjammer ogni lunedì dalle ore 20 su radiocittaperta.it oppure recupera i podcast qui, ma anche su spotify E se proprio vuoi essere buono, fai una che questo sito non si ancora mantiene da solo 😀 

 

Abruzzo in moto l’organizzatore del giro

Tana dell’Orso ristorante a Barrea 

Mo’ sci gastronomia e bar a Castelvecchio Calvisio

Trattoria le 4 Ville a Castelvecchio Calvisio

Bretagna, Normandia, Loira programma di viaggio

PROGRAMMA

Giorno 1
birretta e caffe all’aereoporto
pranzo aringhe, sgombro e tarte tatin a Beaveauis “le petite maison
visita cattedrale con orologio astronomico, palazzo del vescovo, mostra arte e lebrrosario diventato giardino con bellissimo orto/giardino piante e frutta

Giorno 2
visita alla cattedrale e orologio Rouen, parlamento, piazza Giovanna d’Arco
pranzo bisou pizzeria ristorante
visita a Aitre St. Maclau
cena a p’tit zinc

Giorno 3
abazia di Jumièges
pranzo a ‘au fil du temps’ caudebec-en-caux
Etretat falesie, ponte della Normandia, Honfleur
cena a l’auberge du chatoqué

Giorno 4
lungomare passando per Trouville, Deauville, Cabourg
Caen visita al castello
pranzo a Le Buquet’s

Giorno 5
cannoni Longues-sur-Mer
Omaha beach
pranzo a St.Vaast-la-Hougue ostriche a le detour
Granville hotel

Giorno 6
museo Dior
pranzo a l’appontement a marcey les greves
Mont-Saint-Michel
cena di crudi di pesce a hotel le cancalais

Giorno 7
Forte di La Latte, pointe de Plouha, catedrale di St.-Tugdual a Treguier, faro di Ploumanac’h
tagliere a Cancale a le galion

Giorno 8
pranzo al ristorante de l’erve a blandouet-saint jean
museo di Le Mans
cena a la plume blanche Tours

Giorno 9
visita a Tours

Giorno 10
castello di Amboise, maniero di Clos-Lucè
Les Caves Duhard (cantina)
Domaine Huet (cantina)
aperitivo e cena in hotel con vino della cantina Huet

Giorno 11
castello di Chenonceau
pranzo self service al parco del castello, ritorno riposino camminata a Tours
aperitivo musicale a Hotel du Grand Commandement
cena Hamburger a Balzac burger

Hotel

  • B&B Hôtel Rouen Centre. St Sever 20 Place de L’Eglise St-Sever, Rouen, 76100,
  • Hotel La Diligence. 53 Rue De La Republique, Honfleur, 14600
  • Campanile Bayeux. Angle du Boulevard du Maréchal Leclerc, Bayeux, Calvados, 14400
  • Hotel des Bains. 19 Rue Georges Clemenceau, Granville, 50400 France
  • Le Cancalais. 12 quai Gambetta, Port de la Houle, Cancale, 35260,
  • Néméa appart’hotel Résidence Le Quai Victor. 6-8 Rue Marcel Tribut, 37000

Leggi il report del viaggio »

Bretagna, Normandia, Loira

Il primo viaggio “lontano” di questo strano periodo (2019-2020-2021) di pandemia. Un viaggio in Normandia, Bretagna e Loira itinerante, partenza con l’aereo, noleggio di auto e giro dormendo in vari alberghi disseminati nella zona. Fa strano? Si, fa molto strano ma se ne sentiva il bisogno. I posti, Normandia, Bretagna e Loira, sono belli e ci vorrebbero molti più giorni anche solo per girare una sola di queste regioni della Francia… in ogni caso è stato un buon assaggio della zona. Alcune considerazioni vanno fatte

  • La Normandia e la Bretagna sono regioni piovose. Fortunatamente a noi, a fine Agosto, ha detto davvero davvero tanta fortuna e non abbiamo preso giornate di pioggia, ma sono considerate regioni ad alta piovosità. È l’unico posto della Francia dove non fanno il vino, e non lo fanno perché piove troppo.
  • Ci sono giardini di fiori e di verdura in ogni castello o luogo aperto e sono bellissimi
  • I panorami sulla costa tolgono il fiato. Falesie, fari, fortezze a strapiombo sul mare
  • Mont Saint Michel è una mezza crepa/trappola per turisti. In confronto alle altre attrazioni viste, paghi un biglietto ma dentro all’abbazia non c’è nulla da leggere e approfondire, devi prenderti l’audioguida a pagamento aggiuntiva, in tutti gli altri posti invece ci sono pannelli, audioguide, tablet con la realtà aumentata. Ovvio che uno deve andarci a Mont Saint-Michel ma tenete da conto questa valutazione
  • Si mangia molto pesce sulla costa, sopratutto ostriche e crostacei, e si mangiano anche cose diverse nell’interno. La carne è buonissima in tutti i posti che ho provato. Il vino ovviamente anche.
  • I Francesi sono meno scortesi di come vengono dipinti da qui in Italia e non è vero che non parlano Inglese o che trattino i turisti male
  • Un pacchetto di sigarette costa più del doppio che in Italia (10.10 euro contro i 5. anno 2021)